Un lungo silenzio

Mi rendo conto oggi che da mesi un lungo silenzio mi ha tenuta lontana da queste pagine, ma a volte vi è la necessità di tacere, di non condividere i pensieri quando fanno troppa paura.

Pochi giorni dopo l’addio a Wide un semplice test al quale mi ero sottoposta nel quadro degli screening dell’Asl per la prevenzione dei tumori, ha rivelato la presenza di sangue nell’intestino e la necessità di eseguire una colonscopia completa per escludere la presenza di una neoplasia. Avevo eseguito il test come una brava cittadina che accoglie tutte le proposte della sanità pubblica e realizzare di colpo che invece dietro le analisi preventive potevano esserci davvero delle patologie mi ha lasciata impietrita.

La telefonata dell’ospedale, giunta pochi giorni prima di Natale, mi ha fatto trascorrere delle feste angosciate e poco serene, anche perchè ho evitato di avvisare chiunque, non avevo voglia di solidarietà, pietà, racconti sui parenti vicini e lontani che si erano già sottoposti allo stesso fastidioso esame. Ne ho parlato solo con le mie amiche bloggers, ma non su queste pagine, troppo grande l’angoscia che mi prendeva lo stomaco pensando alla possibilità di dover ricominciare tutto daccapo, per poterne scrivere pubblicamente.

Infine la scorsa settimana l’esame, del quale non so dire granchè perchè con la “leggera sedazione” somministratami ho dormito della grossa tutto il tempo 🙂 ma la cosa importante è che non c’era quasi nulla, l’istologico speriamo lo confermi, ma per ora posso stare (quasi) tranquilla.

Nei giorni scorsi infine le analisi semestrali di routine mi hanno promosso per altri sei mesi, e decretato l’inizio della menopausa vera dopo i tre anni di quella forzata ! E quindi da inizio anno addio al Tamox e ai suoi colpi di calore, all’insonnia e ai gonfiori e vai con l’inibitore dell’aromatasi, un po’ più blando.

Tutto per il meglio? Non lo so, io so che nel 2010 avevo 47 anni, ero giovane, nel pieno della maturità e della vita, piena di forza. Ora è come se mi svegliassi dal sonno della Bella addormentata, trovandomi però in un’altra parte della vita, più vicina a mia madre che a mia figlia, passata attraverso un fuoco che ha bruciato desideri e aspettative, ambizioni e progetti, lasciandomi solo il desiderio di poter vivere tranquillamente, il più a lungo possibile, accanto alle persone che amo. Non credo sia poco.

Annunci

Altro giro altro regalo!

E anche questo controllo è andato, tutto bene, tutto nella norma. Prossimo giro a gennaio, con altro pacco di analisi: se penso che fino ad un anno fa tra un’ìanalisi del sangue e l’altra dimenticavo dov’era il laboratorio di analisi !! (una volta sola sono andata  a colpo sicuro per scoprire che avevano traslocato da 1 anno….) Ora la mia auto ci va da sola, senza che io le indichi la strada. E oggi terza oncologa in un anno e mezzo, dice che resterà e ci rivedremo, lo spero, perchè è abbastanza antipatico dover ripetere tutta la propria storia ogni volta, a gente nuova! Capisco di essere un caso banale, “semplice” mi ha definito la n.2, di routine aveva detto la n.1… e così non si appassionano al caso. Che devo dire, le capisco , ma io continuo a pensare di essere fortunata ad essere così ”semplice”, che volete !!

Attese

Venerdi ho fatto le analisi e giovedi 20 avrò la visita di controllo semestrale…
come sempre una sottile inquietudine mi invade quando si avvicinano queste scadenze. So che non significa nulla che io mi senta bene, dentro di me potrebbe esserci il male e io non ne saprei nulla: è questo ciò che mi spaventa maggiormente di questa malattia, il suo essere subdola, silenziosa, al punto che spesso i primi disturbi si hanno quando è già tardi per impedirne l'avanzata. E' trascorso esattamente un anno e otto mesi dalla diagnosi, un anno e mezzo dalla seconda operazione, il tempo intercorso tra una diagnosi e l'altra anche per Anna Lisa… lo so, lo so, il mio non era un ''triplo negativo'', non era nemmeno infiltrante, non c'erano metastasi, ma l'inquietudine rimane tutta quanta…non posso farci nulla! 
E resto come paralizzata nell'attesa, faccio solo cose di routine, sono come bloccata dall'attesa 😦
Ma so che incrocerete tutte quante le dita anche  per me e questo sì che mi da forza!  :-)) Ancora una volta grazie a voi amiche bloggers! 

Primo pit stop ai box e ripartenza!

Al giro di boa del primo anno dall'inizio delle terapie gli esami paiono ok, mancano ancora i markers ma intanto eco, rx e mammo sono tutti negativi ed è già qualcosa.
Ora aspettiamo di vedere l'emocromo e la visita oncologica (martedi prox), ma non dovrebbero riservare sorprese.
E così ho festeggiato col baffo andando a mangiare un piatto di pasta agli scampi nello stesso posto in cui mi aveva portato piangente più di un anno fa. Non ricordavo alcun sapore, alcuna pietanza di quel giorno ed ho insistito io per andarci, per esorcizzare quel brutto ricordo. E' stato come vedere sotto il sole lo stesso paesaggio  che si è visto la prima volta in un giorno piovoso….e allora dopo la pasta ho gridato "abbasso la dieta" e mi sono fatta una meraviglia di cassata alla siciliana fatta dal pasticcere siculo che era una goduria assoluta !!!  
E oggi di nuovo al lavoro, con più ottimismo e prospettive davanti a me; un altro anno scolastico finisce, ben diversamente dal precedente. So che fra un anno la situazione potrebbe essere ancora diversa, ma intanto godiamoci l'oggi!

Martedi controllo numero 3

Martedi 17 tocca a me il controllo. Il terzo da quando è cominciato tutto poco più di un anno fa, e sarà ad un anno dall'inizio delle terapie ormonali. Mi sento bene, dovrei stare tranquilla, invece no, come tutte ho quella sottile inquietudine che mi si infila dentro e prende i visceri in una morsa. Calma, lo yoga dice di respirare  a fondo, profondamente, ascoltarsi respirare, e stare tranquilla, molto tranquilla. Ero tranquilla anche quando trovai il nodulo…
Basta non pensiamoci, è sabato, c'è il sole e stasera esco. A martedi.

è andata!

è andata anche questa, promossa a maggio 2011, praticamente alla fine dell'anno scolastico. Adesso devo riprendere il mio carattere, un po' d'allegria e di serenità. il problema vero è staccare il pensiero da tutto quel che è capitato, è come se avessi preso una gran botta in testa e mi continuasse a far male anche dopo giorni…passerà mai? Non lo so, ma intanto rallegriamoci per oggi e cerchiamo di vivere bene il tempo che abbiamo.

bonus semestrale

Bene, tutto bene, la visita è stata superata felicemente e ho un bonus di sei mesi prima di rifare esami e controllo. Ho solo i globuli bianchi bassini… il medico dice che è lo stress e ha consigliato a mio marito di  farmi ridere di più(: ma tutti i medici pazzi da legare li becco io???)
A parte questo la cosa impressionante è che le radiazioni continuano  a diffondersi dall’interno, come nella cottura a microonde, e la pelle è ancora abbronzata come se stessi al sole tutti i giorni !!

E allora? e allora ho fatto come Julia: a pranzo fuori e festeggiamenti :))) (per gli appassionati del genere il menu era: funghi, pizzoccheri, formaggi; il tutto innaffiato da un buon Bardolino, e consumato sulle rive del lago di Garda) in una bella giornata di sole .
Giovedì 2 altro giro altro regalo: visita dall’oncologa per controllare la terapia ormonale, poi spero di non rimettere piede in ospedale per un po’ (sempre che io non mi rompa qualche altro ossicino! ) e di trovare la tranquillità giusta per avvicinarmi al Natale e al compleanno della mia cucciolotta, in arrivo tra pochi giorni.